I Monumenti

Castello di Roccatagliata

 

A Neirone, in località Roccatagliata su un picco che sovrasta l’attuale chiesa di San Lorenzo, sorgono i resti del castello che un tempo era una roccaforte dei Fieschi. Sono visibili solo poche tracce del castello: la spianata artificiale del pendio, alcuni segni di roccia lavorata a formare il terrapieno e la presenza di una cavità che forse corrisponde alla cisterna. E’ possibile ipotizzare che parte del materiale edilizio utilizzato nelle abitazioni del borgo provenga dal complesso del castello. La sommità del poggio è raggiungibile attraverso uno stretto sentiero e permette di ammirare il panorama su Roccatagliata.

 

Per informazionitel. 0185/936002 – sindaco@comune.neirone.ge.it – Comune di Neirone

Santuario di N.S. della Guardia

 

La parrocchia di N. S. della Guardia fu costituita dall’arcivescovo di Genova nel 1621 e un secolo più tardi fu ultimato l’edificio che vediamo oggi e che è il risultato di un ampliamento della struttura originaria. Il titolo Nostra Signora della Guardia, attribuito alla Beata Vergine Maria, è legato ad una apparizione che vide protagonista il pastore Benedetto Pareto sul Monte Figogna, nell’immediato entroterra genovese dove oggi sorge l’omonimo Santuario. Il culto della Madonna della Guardia si consolidò a Gattorna durante il XIX secolo, quando il paese fu colpito da una pestilenza: era il 1854. Era usanza per i Gattornini recarsi in pellegrinaggio sul monte Figona per la ricorrenza della Madonna della Guardia, il 29 agosto. Fu così che la prima domenica di settembre tutto il popolo gattornino si riunì sul ponte che attraversa il torrente Neirone, cantando e pregando in attesa, da Genova, di un quadro raffigurante la Madonna della Guardia.

L’effigie della Madonna fu portata in trionfo fino alla Chiesa di Gattorna; fu l’inizio di una novena di preghiera al termine della quale, il 14 settembre, si ebbero le ultime tre vittime: Benedetta Basso, vedova Roasasco, Benedetto Rosasco e Giacomo Rosasco. Da quel giorno Gattorna fu ufficialmente liberata dalla peste e la popolazione ricorda con devozione quel miracolo. All’interno della Chiesa è custodito il quadro miracoloso della Madonna della Guardia e due affreschi ricordano gli eventi legati alla peste e al miracolo.

 

Per informazioni: Tel. e Fax 0185.934.505 – Parroco Don Gratien Niyuhire – email: parrocchiadigattorna@gmail.com

Chiesa di Santa Maria Regina del Creato

 

La chiesa è situata nella frazione di Barbagelata a oltre 1125 m., un’altitudine che la rende una delle chiese poste più ad alta quota dell’Appennino Ligure. La struttura è in stile moderno caratterizzato da una peculiare forma a tenda, in legno e ardesia, che allude alla condizione dell’uomo che è pellegrino sulla Terra. L’ampia vetrata dietro all’altare si apre su uno splendido panorama e illumina l’interno di una luce soffusa particolarmente suggestiva. L’altare è costituito da grossi tronchi d’albero squadrati e la croce di tre metri che pende dal soffitto, anch’essa in legno, è stata realizzata con travi recuperate dalla demolizione di un vecchio fienile. La Chiesa fu consacrata nel 1972 dal Vescovo di Chiavari e successivamente venne realizzata la struttura adiacente che è utilizzata per campi estivi e ritiri spirituali. Al centro di Barbagelata si trovano i resti della vecchia chiesa, incendiata nel 1944 da truppe tedesche.

Img